the golden days RSS

Archive

Sep
5th
Sun
permalink

Sakineh Mohammadi Ashtiani è una delle molte donne che in Iran sono in attesa di essere messe a morte, prigioniere tra i tantissimi prigionieri vittime del mostruoso sistema giudiziario di quel paese. Il sito delle Donne Democratiche Iraniane in Italia offre eloquenti testimonianze e documenti sulla crudeltà e il totale disprezzo per la dignità umana sistematicamente attuate nei tribunali e nelle carceri dell’ Iran.

permalink
Aug
31st
Tue
permalink
Aug
30th
Mon
permalink
gargantua:

Consiglierei di impiegare questo tipo di tenda per Gheddafi, è molto comoda e all’occorrenza diventa una ottima pentolaccia, anche se sconsiglio vivamente di romperla, il contenuto non è dei migliori.

gargantua:

Consiglierei di impiegare questo tipo di tenda per Gheddafi, è molto comoda e all’occorrenza diventa una ottima pentolaccia, anche se sconsiglio vivamente di romperla, il contenuto non è dei migliori.

permalink

gargantua:

Sarà un accordo vantaggioso o meno, ma il senso di vomito e schifo non mi passa. Questi bei patti Gheddafiani, risalenti in parte già al governo Prodi, mi sembrano l’ennesimo esempio del livello di prostituzione politica del parlamento italiano. Ridicoli quelli che da sinistra gridano allo scandalo perché se non c’era B. c’erano loro –tanto per fare un esempio ricordo ancora i pianti dei Radicali contro la Cina all’epoca del  governo B. e poi la Bonino faceva parte della mega delegazione del governo Prodi in Cina con tanto di elogi alla democratica dittatura cinese-, ridicoli quelli interni al governo (leggi Lega) che sbandierano ai quattro venti la loro ferrea opposizione a colpi di parole, poi quando si tratta di farsi vedere si affidano giusto a Borghezio che ha la funzione delle opposizione interna, nominata dal centro, per proseguire con quella che, da anni, è la reale funzione della Lega secondo me: valvola di sfogo per impedire che certi malesseri potessero sfociare in un vero assalto al palazzo con cacciata dei parlamentari, malessere che poteva saldarsi con altri malesseri sparsi per la Penisola, invece così c’è la valvola di sfogo – a parole- e tutti sono tranquilli; ridicoli e vomitevoli tutti quelli che si sono buttati a pesce sul falso beduino con tenda extralusso e lo compiacciono a spese mie. Insomma non sono fatto per la politica perché questa cosa mi fa schifo, mi fanno schifo gli accordi con le dittature seguite dai proclami di libertà e democrazia contro le altre dittature, preferirei di gran lunga una schietta e salutare sincerità, dire che le guerre si fanno per un motivo preciso, dire che gli accordi si fanno per motivi concreti e non tentare di fare distinzioni tra regimi e regimi. Gheddafi raduna 500 hostess e impartisce loro una lezione sul Corano (figurati che lezione!) e questo a me ricorda il B. che raduna, a pagamento, le ospiti e impartisce loro le sue canzoni con Apicella oppure spiega come funziona il mondo e quante volte ha salvato la galassia dal tracollo. Anche tentando di mettermi dalla parte del “vantaggio economico dell’accordo” arrivo a concludere che, se proprio dobbiamo dirla, non siamo davanti all’indiano con le piume che per tre perline ti vende Manhattan, l’apparato, il casino, il baccano e tutte le manifestazioni di sottomissione danno più l’impressione del desposta che visita una provincia (o una futura provincia). Gheddafi e figli hanno le mani in molti affari italiani, banche in primis, e fanno girare soldi su soldi (oltre a tutti quelli che hanno usato in questi e negli anni passati per finanziare partiti nostrani) e questo si vede bene perché in questa nazione sfasciata può fare tutte le buffonate che vuole, le parate, le scenette con folle prezzolate e isteriche (come a casa sua insomma) e manco ha bisogno di piantare il mitra nella schiena.

permalink

Domande alle quali ormai non voglio più nemmeno una risposta.

Perché devo sopportare le ridicole pagliacciate di quello squallido buffone di un Gran Beduino sul suolo del MIO paese, nella capitale del MIO paese, sotto il cielo del MIO paese? Questo assurdo individuo, questo dittatore spietato, questo sfacciato bugiardo tenta di far credere al mondo che egli stima le donne solo perché si circonda di quattro soldatesse pacchiane che sembrano uscite da una commedia sexy anni ’70 e la loro marziale missione è chiaramente identica a quella prevista dalla sceneggiatura di quei filmetti. Con questi argomenti può convincere solo quell’altro grande fautore delle pari opportunità che è Berlusconi e la di lui ministressa Carfagna. Il Gran Beduino terrebbe in qualche conto le femmine solo perché affitta un gregge di disgraziate a cui propina non si capisce bene ( le adepte sono tenute al silenzio) quale eccelsa sapienza islamica? Tuttalpiù le mette nel conto della gita, al capitolo di spesa “femmine da quattro soldi”. In tempi più gloriosi di questi ( e quali non lo sono stati ?) abbiamo avuto Orsola e le sue undicimila compagne vergini martirizzate da Attila, a noi toccano mille baldracche islamizzate da Gheddafi, cinquecento ieri e pare altrettante oggi. La condizione della donna in Libia? Non è mica tanto diversa da quella vissuta negli altri paesi islamici, a meno che non tocchi loro il sommo privilegio di essere arruolate tra le volgarissime amazzoni a guardia del corpo vecchio e flaccido del Gran Beduino. Un tempo c’erano le vere Amazzoni, grandi madri mediterranee, guerriere indomabili in grado di competere con gli uomini e con gli dei, oggi ci toccano ‘ste quattro ragazzocce imbarazzanti con  le loro ridicole divise da avanspettacolo di periferia. Una Europa islamica? Meglio il suicidio,  purché non sia ficcando la testa nel forno o attaccandosi alla canna del gas, non darei MAI al Gran Beduino la soddisfazione di ammazzarmi col gas libico. E’ già troppo aver dovuto preparare la MIA parmigiana di melanzane su fornelli alimentati da gas con ogni probabilità libico.

permalink
permalink
Aug
23rd
Mon
permalink

Quella curiosa crisi umanitaria a Gaza, da Israele.net

Mentre il mondo continua a condannare Israele per il cosiddetto “blocco” o “assedio”, gli abitanti della striscia di Gaza (compresi quei 10.500 e più che sono stati accolti in Israele nel corso del 2009 per ricevere cure mediche) possono godersi il loro nuovo e lussuoso shopping center multipiano e con aria condizionata.
Curiosamente, proprio il giorno successivo all’apertura del centro commerciale l’alto rappresentante della politica estera dell’Unione Europea, Catherine Ashton, ribadiva la richiesta a Israele di revocare il “blocco” su Gaza. Viene spontaneo domandarsi se la Ashton, durante la sua vista, tra un sopralluogo e l’altro nei terribili luoghi della crisi umanitaria di Gaza, non abbia trovato il tempo di fare una sosta presso il nuovo centro commerciale per informarsi su come vadano le vendite.

Leggi qui l’intero articolo Israele.net

permalink
Aug
16th
Mon
permalink
«Esageri l’ipocrisia degli uomini. […] La maggior parte pensa troppo poco per pensare doppio.»

Marguerite Yourcenar

Accidenti, non avevo mai pensato la questione sotto questa luce: dare degli ipocriti a certe persone è un po’ come riconoscere loro profonde capacità di giudizio, come a dire che non sono schiavi della credulità diffusa, ma dominano consapevolmente la situazione e si apparecchiano un falso pensiero di facciata. Bisogna centellinare il termine ipocrita da oggi in poi.

(via gargantua)

permalink
gargantua:

falcemartello:

tartanspartan:

kvetchlandia:

friendlyatheist:

withoutgods:

Love with and without religion… choose one…



There’s worship and then there’s worship…

gargantua:

falcemartello:

tartanspartan:

kvetchlandia:

friendlyatheist:

withoutgods:

Love with and without religion… choose one…

There’s worship and then there’s worship…

permalink

toscanoirriverente:

paolotumblr:

Siamo uomini o caporali?

“L’umanità, io l’ho divisa in due categorie di persone: Uomini e caporali.
La categoria degli uomini è la maggioranza, quella dei caporali, per fortuna, è la minoranza…”

Totò

permalink
toscanoirriverente:

gargantua:
OH MIA BELLA MADUNINA DE MILAN, MA DITE DAVVERO? 
Altro che Wikileaks e Top Secret America


Volete uno scoop vero sulla sicurezza nazionale, una formidabile dimostrazione di giornalismo investigativo  che non sia paccottiglia come Wikileaks e che sveli davvero qualcosa al contrario di Top Secret America del Washington Post? Prendete il New York Times di oggi, la prima puntata della serie “Shadow War”.  Scoprirete che Obama, premio Nobel per la Pace, ha autorizzato una  guerra globale segreta e senza controlli di alcun tipo in dodici paesi e  in due continenti. Anche questo si sapeva, anche se ufficialmente non è  mai stato ammesso. Il Times però ora fornisce un mucchio di nuovi  dettagli: Obama ha riassunto vecchi personaggi Cia impegnanelle  operazioni coperte della Guerra Fredda e finanche di Iran-Contra. Il  Times, tra le altre cose, svela che la Cia è diventata un’organizzazione  paramilitare e che in una delle operazioni di guerra ha ucciso (per  sbaglio) un vicegovernatore dello Yemen oltre a decine di civili, tra  cui bambini. Questo scoop non farà il botto di Wikileaks e Top Secret  America. Intanto perché non è scoop pacifista. Poi perché rovina  l’immagine antiBush di Obama. Infine perché Obama sta facendo la cosa  giusta. Da Camillo Blog

Come? Che? Aspetta, aspetta, no, non può essere, se fosse così ci sarebbero miriadi di europei in piazza contro Obama, ci sarebbero cortei, persone indiginate sui giornali, televisioni e internet. Dai, non può essere, Obama è l’uomo della Pace, l’eroe dei due mondi, il più buono dei buoni, l’uomo dalle mille promesse, accidenti, devono essere bugie, sì, un mucchio di bugie…

toscanoirriverente:

gargantua:

OH MIA BELLA MADUNINA DE MILAN, MA DITE DAVVERO?

Altro che Wikileaks e Top Secret America

Volete uno scoop vero sulla sicurezza nazionale, una formidabile dimostrazione di giornalismo investigativo  che non sia paccottiglia come Wikileaks e che sveli davvero qualcosa al contrario di Top Secret America del Washington Post? Prendete il New York Times di oggi, la prima puntata della serie “Shadow War”. Scoprirete che Obama, premio Nobel per la Pace, ha autorizzato una guerra globale segreta e senza controlli di alcun tipo in dodici paesi e in due continenti. Anche questo si sapeva, anche se ufficialmente non è mai stato ammesso. Il Times però ora fornisce un mucchio di nuovi dettagli: Obama ha riassunto vecchi personaggi Cia impegnanelle operazioni coperte della Guerra Fredda e finanche di Iran-Contra. Il Times, tra le altre cose, svela che la Cia è diventata un’organizzazione paramilitare e che in una delle operazioni di guerra ha ucciso (per sbaglio) un vicegovernatore dello Yemen oltre a decine di civili, tra cui bambini. Questo scoop non farà il botto di Wikileaks e Top Secret America. Intanto perché non è scoop pacifista. Poi perché rovina l’immagine antiBush di Obama. Infine perché Obama sta facendo la cosa giusta. Da Camillo Blog

Come? Che? Aspetta, aspetta, no, non può essere, se fosse così ci sarebbero miriadi di europei in piazza contro Obama, ci sarebbero cortei, persone indiginate sui giornali, televisioni e internet. Dai, non può essere, Obama è l’uomo della Pace, l’eroe dei due mondi, il più buono dei buoni, l’uomo dalle mille promesse, accidenti, devono essere bugie, sì, un mucchio di bugie…

Jul
11th
Sun
permalink